15 novembre 2012

La mente che vaga

Un atollo maldiviano? Un bracciale. Un quadro di Monet? Nuovamente un bracciale. Un pezzo di rotaia? Sempre un bracciale.

Un granello di sabbia, invece, diventa spilla, rotondeggiante come quella nata da un'agata dalla forma simile all'impronta di uccello; una passerella tibetana si mostra nelle vesti di anello inconsueto, allo stesso modo della scheggia di un cannone o di elementi impalpabili come il ricordo di un catamarano o la sensazione di vuoto. Questa era l'arte di Enrico Cirio: la trasformazione di qualsivoglia esperienza visiva, materiale o emotiva che fosse, in un prezioso gioiello da collezione. Una linea, un volume, un'immagine erano la base di un sogno che, pochi minuti dopo, era già diventato realtà grazie alla sua fantasia e alla sua indiscutibile maestria. Ma nulla era fatto per restare uguale a se stesso: tutto era in divenire, per essere sempre più forma d'arte. Si disegnava, si cominciava, si smontava, si ricominciava da capo.

Condividi:

OPERE

Vuoto nel vuoto

La teoria del vuoto

Attraverso quest'opera si definisce il vuoto come una realtÓ potenzialmente attiva. ╚ un vuoto che vive e che s'inserisce nel processo conti..   [Continua]

Caravella Rematori

E' la terza. Vi sono anche i rematori

Caravella Rematori

Caravella Rematori

Elogio alla fatica dell'uomo: questa volta sono i rematori i protagonisti del gioiello, rappresentati dai diamanti.

Astucci

Fantasie d'autore

Astucci

Astucci

Una melanzana che diventa astuccio? La noce? Anche. E il cetriolo? Ortaggi e frutti si trasformano in insoliti contenitori. In legno, fatti e dipinti ..   [Continua]