15 novembre 2012

In valigia

Se Enrico Cirio era solito girare il mondo tra Thailandia, Australia e India alla ricerca delle più belle pietre preziose, anche una conchiglia raccolta in Israele, un pezzo di legno trovato per strada, il cuoio, lo stucco, la sabbia, fino alla paglietta di ferro abitualmente utilizzata per pulire le pentole, potevano magicamente essere protagonisti venendo a far parte delle sue opere d'arte (i 'Nidi' ne sono un esempio rappresentativo). Tutti materiali poveri, insomma, che, grazie alla vulcanica fantasia dell'artista, diventavano parte integrante di gioielli pregiati e ricercati. “Ovunque raccoglieva idee: poi le portava a casa e iniziava ad elaborare bozzetti, anche di notte. Quante volte mi sono svegliata e l'ho trovato con foglio e matita in mano...”, racconta Anna Novara, sua consorte.

Condividi:

OPERE

Madama nuara

Un pensiero per la suocera...

Madama nuara

Madama nuara

Un anello studiato e realizzato appositamente per colei che sarebbe diventata futura suocera. A lei ispirato.

Nodo Leonardo

Anche Leonardo lo ispirò

Nodo Leonardo

Nodo Leonardo

Dal disegno di Leonardo da Vinci, ecco il famoso nodo trasformato in prezioso gioiello.

Birreria Gaudente

Gioia di vivere

Elementi di architettura ed ecologici per un gioiello-scultura che interpreta sentimenti di buon vivere.