15 novembre 2012

Eppur si muove

Un genio: è così che possiamo definire Enrico Cirio. Qualche altro artigiano avrebbe affermato: “Un gioiello deve essere più bello sotto che sopra”? Basti osservare il retro di qualunque sua creazione per restare sbalorditi dalla precisione di ogni dettaglio, anche quelli nascosti. D'altronde, i frutti dell'ingegnosità del maestro erano talmente perfetti da far convivere tecnicismo e bellezza. Diversamente dall'assolutizzazione dell'aspetto estetico che oggi imperversa nel campo artistico, Enrico Cirio fu infatti capace, fin dagli esordi, di coniugare aspetto tecnico ed estetica. Questo non sarebbe stato possibile senza i suoi studi nel campo aeronautico, così come non sarebbero stati possibili quei sbalorditivi giochi meccanici che contraddistinguono alcuni suoi pezzi: ne è emblema il delfino dotato di pinne, becco e coda movibili, all'interno del quale è racchiusa una perla del Mississipi, estraibile. Tradizione ed evoluzione formale ancora una volta uniti per raggiungere la perfezione.

Condividi:

OPERE

Canguro zoppo

Cosa non si fa per la propria famiglia

Canguro zoppo

Canguro zoppo

C'è anche il marito della cangurina 'Napuli' che per il sostentamento della numerosa famiglia faceva il salto in alto. Ma alla fine si ..   [Continua]

Ponte Sospeso

Superare gli ostacoli

Un'opera d'arte dalle linee gentili, capaci di addolcire un'imponente struttura.

Noce

Un colpo secco e... sorpresa

Noce

Noce

Modalità d'uso: prendere il martello e colpire sul bordo della noce. Un colpo secco, senza timore. Perchè lo scopo è proprio questo, 'romper..   [Continua]